Monastero domenicano “Santo Rosario”, Via Monastero Domenicane,15 – 24052 AZZANO SAN PAOLO (BG) – Tel. 035 530001 –

NEL CUORE DELLA "SANTA PREDICAZIONE"

San Domenico, prima di morire, affidò i monasteri domenicani  a tutti i frati e, tutti i frati, a loro volta, sono affidati alla preghiera e alla cura delle monache. Questa reciprocità è posta al cuore dell'Ordine dei Predicatori.

 

Tutti i membri dell'Ordine sono chiamati ad essere dei contemplativi cercando Dio nel silenzio e nella preghiera, nello studio e nel dibattito, nella solitudine e nell'amore. Sfruttando tutte le potenzialità del nostro cuore e della nostra mente, ecco che cerchiamo le tracce di Dio. Ma è Dio stesso che ci trova quando meno ce lo aspettiamo.


Maria Maddalena, la prima Patrona dell'Ordine, è la vera contemplativa: cercando il corpo di Gesù è colta da stupore sentendosi chiamare per nome dal Signore Risorto. La nostra preghiera sgorga da questo desiderio profondo e, come disse Caterina, "Il desiderio in se stesso è preghiera". La nostra vita è interamente plasmata dalla ricerca di Dio.

 

La vocazione di una monaca " è richiamo a tutto il popolo cristiano della vocazione fondamentale di ciascuno all'incontro con Dio" (Verbi Sponsa 4). Come scrisse Fra Marie-Dominique Chenu: "La vita mistica non è fondamentalmente diversa dalla vita cristiana".


Non sfuggiamo dai drammi e dalle crisi della vita umana ordinaria. Li viviamo senza difese conoscendo le gioie e le fatiche di ogni vita umana, senza la protezione di tante cose che danno significato alla maggior parte delle vite umane: matrimonio, figli, carriera. Il monastero è il luogo dove non si può assolutamente sfuggire dalla domanda ultima di ogni vita umana.


Una monaca ha scritto: "Non sono entrata in monastero per fuggire dal mondo, per dimenticarlo e neppure per ignorare la sua esistenza, ma per essere presente in esso in modo ancor più profondo, per vivere nel cuore del mondo, nel nascondimento, ma in un modo che io ritengo più vero. Non sono venuta qui per cercare una vita tranquilla e comoda, ma per condividere, per assumerne la sofferenza, il dolore e la speranza dell'intera umanità."

 

Le nostre vite sono segnate dalla missione dell'Ordine, dalla vita comunitaria domenicana, dalla ricerca della Verità, dal nostro appartenere all'intero Ordine.
 

(Cfr: Una città posta su un monte non può restare nascosta. Una vita contemplativa. Lettera del M.O. Fr Timothy Radcliffe, aprile 2001)